La tecnica

ABBIAMO LIBERATO LA SORGENTE SONORA !

Seguendo la nostra filosofia, il trasduttore deve essere liberato da tutto cio’ che lo circonda : si puo’ allora pensare di eliminare realmente il contenitore dei trasduttori ?

Certamente non del tutto, perche’ alcune funzioni da esso espletate sono irrinunciabili ..

Tali funzioni sono: :

-Eliminazione della radiazione posteriore : funzione  non rinunciabile su tutta la banda di frequenze audio.

-Carico acustico degli altoparlanti: funzione che il contenitore  svolge  alle basse frequenze.

Il risultato delle nostre ricerche si concretizza con l’adozione su tutti i nostri modelli di un contenitore per il woofer che segue il contorno del trasduttore eliminando di fatto il baffle ; inoltre il disegno del  profilo aerodinamico, garantisce un adattamento di impedenza sia all’interno con il condotto reflex, che all’esterno con l’aria circostante.

La forma ideata , ( brevetto Ing. L. Russo - MOSS), e’  funzionale alla rigidita’  strutturale intrinseca, priva di punti focali e facce parallele  ed e' atta ad eliminare  la formazione di onde stazionarie.

Il materiale scelto e’ la fibra di carbonio pura , che garantisce un rapporto massa/ rigidita’ elevatissimo, ulteriormente smorzata con materiale resiliente e fonoassorbente all’interno.

Per la gamma alta  il mobile e’ stato sostituito da una struttura aperta, sempre realizzata  in fibra di carbonio e contenente un materiale totalmente assorbente la radiazione posteriore : in questo modo si elimina l’onda di ritorno riflessa dal fondo del contenitore. 

Con tali accorgimenti e’  virtualmente eliminato il mobile del sistema ma ancora non sono state eliminate le interazioni con tutte le sorgenti secondarie.

COSA RESTA DA ELIMINARE, DOPO IL MOBILE E IL BAFFLE ?

Il resto dell’universo, poiche' qualsiasi elemento a contatto fisico con la sorgente sonora , diviene sorgente secondaria.

LABOR LIMAE  adotta un sistema di isolamento assolutamente inusuale per un diffusore acustico , ma paradossalmente simile a quello  normalmente presente nei microfoni da studio di registrazione per  eliminare il problema inverso.

L'isolamento, caratterizzato   da una frequenza di taglio di sistema di circa 1 HZ,  e’ da considerarsi praticamente assoluto per tutto il campo di frequenze della gamma audio,  con prestazioni non paragonabili a quelle ottenibili ad esempio con isolatori del tipo a punta con i quali non e’ fisicamente possibile ottenere frequenze di taglio esterne alla banda audio.